14 IMCWP, Contribution of the Party of the Italian Communists [En., It.]

11/25/12 1:00 PM
  • Italy, Italian Communist Party IMCWP En It

http://www.comunisti-italiani.it , mailto:internazionale@comunisti-italiani.org

[Italian below]

14th International Meeting of Communist and Workers’ Parties (IMCWP)

Strengthen the struggles against escalating imperialist aggressiveness, for satisfying peoples’ socio-economic-democratic rights and aspirations, for socialism”.

Beirut, Lebanon, 22 to 25 November 2012

Italian Communists’ Party’s contribution (PdCI)

First of all, we would like to thank, with a real spirit of solidarity and gratitude, the Lebanese Communist Party, that in this critical phase of aggravation of the imperialistic offensive in the Middle East area, assumes the cost of hosting this international meeting.

We welcome the title and the setting of this meeting, whose central point regards the What Is To Be Done?, that is the way in which each one of us, in his own national context and in a coordinated manner on regional and national level, can contribute to address a real escalation of the imperialist interventionism, as it has developed over the last year. And can contribute to support workers’ and peoples’ s rights.

We all know and feel the same way about the basic reasons of this escalation:

- The depth of the economic system’s crisis that has structural basis and that questions the actual order of the capitalistic domination in the World, centred on the three major imperialistic powers (USA-EU - Japan);

- Mutation of the power balances in world-wide and geo-strategic level from which issue new state powers not subordinated (with different intensity and determination) to the rule of the imperialistic triad (BRICS and their related, non-aligned countries, and Russian-Chinese cooperation, that plays a central role as a counterweight to imperialism): this trend points to a decline of the actual imperialistic leadership, starting from United States, that are trying to stop their decline relying on military superiority still overpowering on the rest of the world, working – through the NATO instruments – with the major European imperialistic powers.

Do not we hoped for Romney’s victory at the USA’s presidency or the French re-election of Sarkozy, and neither we want to give up with a differentiated analysis of the different trends that work, so even contradictorily, in the capitalistic world. But we do not think, differently from the hopes and the illusions that a part of the world and European Left had cultivated or cultivate still today, that the Obama’s re-election or the Holland French election could be able or could propose to reverse in progressive and peaceful sense the events’ course and the growing neo-imperialist aggressiveness of the Euro-Atlantic axis.

The Obama’s re-election at the USA’s presidency doesn’t imply any positive correction of the international framework; as a matter of fact Romney has immediately ensured his honest and constructive cooperation in the national interest (in fact Republicans in the House hold a solid majority, that can heavily influence President’s decisions). And this fact is expected to shift further to the right the policy of the second Obama’s term over the first.

The first 4 years of the Obama presidency, even though it had been favourably welcomed by large sectors of the American and international progressive world as bearer of a new progressive change, had destroyed hopes and illusions. They’ve been dramatically dashed – some examples – with the aggression’s war against Libya, with the incipient military encirclement of China, with the military interferences in Syria (an undeclared war), with the threats of war on Iran, with the huge increasing in military spending (that grew by 13% only in the last 6 months and that have contribute to the GDP’s growth by 50%...), or with the incompetence (or impossibility, or non-will) to set real limits to the financial capital’s dominance in the national and international Affairs, that is confirmed as one of the deepest causes of the world crisis.

In a situation exacerbated by a world economic crisis of the capitalistic system that has its structural bases, Obama will have to deal with the internal critical situation, with a very high internal public debt, and with a foreign debt which is the highest in the world; and he will have to deal with a stagnant economy which is at recession’s risk.

Continues to loom the risk that the economic and politic decline of the principal imperialist power could induce its most reactionary components to resolve the contradiction by using the overwhelming military superiority that USA retain over the rest of the world; and to try to get out of their own economic crisis “manu militari”, and to regain their own world leadership, even at the cost of a world conflict.

As the title of our meeting correctly stresses, the fight against the imperialistic aggressiveness escalation confirms itself as one of the priorities of Communists in this phase.

To confirm this fact, we can look at the new dramatic and brutal assault of the last days against Palestinian people by Israel, in the complete absence of reactions by USA or EU (and rather these countries and the NATO system confirm their military cooperation with Israel). At the same time the undeclared war against Syria goes on, as well as the threats of aggression against Iran and Lebanon, or as the military interferences in the Sudan now split into two; and these interferences are likely to cause an enormous conflict in all over the region, with serious dangers of expansions outreach. In the meantime, Obama’s presidency confirms the decision to move 60% of American naval-air potential and over half a million soldiers in the Asiatic-Pacific area, with the logic of China’s encirclement; and NATO confirms the decision of the so-called “missile shield” in anti-Russian function.

We would like to be proven wrong, but concerning the struggle for an alternative foreign policy, against the aggressive NATO and imperialistic plans, against the presence and the utilization of the NATO basis on the national territory, against aggressions (yesterday Libya, today Syria), the peace’s movement of the European countries is today in a deep crisis – certainly in Italy.

There are many objective and subjective reasons:

- European workers and peoples are focused on the defense of themselves from the social massacre promoted by the EU and by national governments;

- A media disinformation’s level that has no historical precedents;

- A weak guidance of many PPCC and syndicates (that have described Milosevic, Saddam, Gheddafi and, today, Assad, as bloodthirsty monsters dedicated to genocide…).

We believe that the movement against war and imperialistic interventionism can revive in the European countries only if we create, first of all, a cooperation, also in the union mobilizations, between the fight against war and the struggles on the most important social matters for the masses, for example by introducing the military spending reduction theme in unions platforms.

As is known, Italy and its American and NATO military bases, play a very important logistic role in the aggressiveness system against the peoples of the euro-Mediterranean area:

- In the past in the war against Yugoslavia, Iran and Libya;

- Today in its support to the American AfriCom system (that plans the USA’s military intervention on the African continent), in the military cooperation with Israel, in the politic and military interferences against Syria, frustrating in this way the Italian traditional policy of friendship with Palestinian people and other Arab peoples. And in the meantime the war effort in Afghanistan goes on.

From the point of view of the foreign policy too, the actual “technical” Italian government appears to be the worst and the most Atlanticist government of the Republican Italy. The selection of Monti as premier , Di Paola as Minister of Defense, Terzi as Foreign Minister, has been supported by Washington thanks to the close relations that exist between the Quirinale and the White House, consolidated during the Libyan conflict.

We do not conceal from ourselves and from you the serious weakness in which lies today in our country the array of the Communist, anti-capitalistic and anti-imperialistic powers and their dramatic fragmentation. Despite the hard work of these last years and despite the process for the Reconstruction of the Communist Party, begun in Italy with our last Congress, we have to face very hard social difficulty. In Italy, unlike in other European countries, the worker’s and the class’s struggle is very weak. This fact leads us to have firm loyalty to principles, but also big tactical flexibility, and a minimum of correspondence between saying and doing, if we want to be credible in the eyes of the peoples.

EU: this is not the Europe we want

Almost all of European peoples are victims of the harsh offensive that aims to increase the exploitation, to destroy the socio-economic and democratic rights of workers and peoples, that conquered them through years of struggles, and to impose a greater degree of wealth’s concentration and centralization, specially through the supranational imposition of economic and political domain’s relations in the service of capital power and contraries to the sovereign right of the peoples that can decide independently their economic and social development’s ways.

We reject the thesis of many of the European center’s leaders, who think that we can get out from the crisis by reinforcing the EU political and economic union on federalist basis, delegating even more spaces of sovereign right to some supranational super-powers, even if – as some motivate – this fact would be accompanied by a reinforcement of the European Parliament’s powers.

In the context of the actual power’s and class’s balances in this area of the world, in the context of this EU, dominated by the multinational capital and by financial oligarchies, subordinated to NATO and to the hegemony of the most influential imperialistic cores – when in consultation, when in competition with American imperialism, but in the same reactionary logic – reinforce the political and economic union of this EU means to reinforce our opponent of class and the main responsible of the war and social massacre policy that our people and our country are enduring.

We instead have to reinforce, also in Italy, the state elements of the defense of the sovereign right and of the Parliament from the reactionary attack: defense of the sovereignty of a non-liberal Italy, that can play again the important role of the State in the economic, the important role of democratic and progressive directing of the production, according to the spirit and to the words of our Constitution. And we have to reinforce a foreign policy that can avoid any kind of neo-imperialistic military interventionism abroad, in accordance with Article 11 of our Constitution.

We do not oppose in principles to the strengthening of regional integration’s processes, if they intend to defend (as happens in Latin America, or in the Euro-Asian area) the people’s interests and contribute to build alternatives to hegemonic domination of imperialism. But this is not the case of EU.

We are not thinking to any self-sufficient retreat (that would be out of the historical processes, in the globalization age), but to a logic of consultation and economic, political and currency cooperation with BRICS area and with non-aligned countries, and with all that powers that in the pan-European region (inside and outside the EU) are working for a continental and global cooperation, alternative to the imperialistic and neo-liberal one.

In the European Union we work – with all available and converging powers – to counteract the actual hypothesis of revision of the Treaties that, leaving every element of social cohesion and solidarity between strong and weak areas, accentuate social inequalities and macroeconomic asymmetries, frustrate every democratic people’s participation to the European construction, further reduce the sovereignty of the weakest states, and pretend to introduce by law – with punitive measures for offenders – coercive and unpopular measures of reduction of the state deficit (as the fiscal compact), that would have, as consequence, the destruction of what is still social State.

European peoples are reacting, in different forms and measures from country to country, to the EU policy of social massacre. The development of the struggle’s movements (in which there is been the general strike of November 14, a very important moment of coordination of the national struggles on regional level, specially in Portugal, Greece, Spain and to a lesser extent in Italy), and also the total advanced of the communist and Left powers in many elections (Spain, France, Greece, Belgium, Czech Republic, Holland…) even in their differences, overall express popular desire for a progressive changing, even if they produce very different political and institutional results.

We hope that, even in the diversity of the respective strategic approaches and of the ideological profiles, Communists and all progressive and Left powers can elaborate a unique and converging response, with a tactic base of action’s unity, on even partial targets. A context of division and contraposition between the progressive, anti-liberal and peace powers doesn’t profit to popular interests. It weakens our fight.

Avoid EU system diversifying economic, political and international financial relations

We consider as a good example the experience of Cyprus. The Cypriot government, led by the comrades of Akel, faced with the need of a loan amounting to approximately 4 milliard euro, as well as to address its request to the financial European institutes, has also ask to other extra-EU countries as Russia and China for bilateral agreements that have not halter conditions in terms of interests, bonds and claims of interference in the internal politics of the involved countries, with methods others than those used in EU and in ECB, as we have seen in the Greek extreme case, but also in the Italian Monti’s government.

This logic affects the sovereignty of the individual countries; sovereignty that in the name of the “political Europe more integrate and federal”, the strong powers of this neo-imperialistic and euro-Atlantic EU, with the consent of the respective national middle classes, would like to make even more subordinated to the interests of the dominant centers of the European capitalism (other than “Peoples’ Europe!”).

No one has to be misled by a certain “Europeanist” rhetoric that sometimes influence also the Left without any critical sense: this EU “more political and integrated” that various Merkel, Holland, Monti, Cameron discussed in Brussels, with the blessing of President Obama, it’s an Union in which, as clearly writes the principal newspaper of the Italian middle class, the Corriere della Sera, “Brussels can rewrite the budgets of the individual States”; that’s why “the Financial of a State that has disordered accounts will be examined in Europe even before landing in Parliament”. And this “would be de facto rewrite in Brussels if not convincing, and with the worth of hefty fines if it doesn’t fit”.

What Cyprus’s experience teaches, independently from NATO and from the heavier conditionings of this EU to which it also belongs, is the need of a diversifications of our economic, political and financial relations inside and outside the EU, without losing sight of the fact that the BRICS and other big emergent powers, like Russia and China, unlike the strong European powers, grant loans without pretending to interfere in the domestic economic policy of the debtor countries: rather establishing cooperation’s relations mutually beneficial, in the complete respect of the respective sovereignties, as well as should be in a new world democratic order of cooperation and peace. And this is for sure not the one that is prefigured by the so-called “Euro-Atlantic community” of which Italy and its government are submissive.

The Italian situation

The hyper-liberal and anti-social requests of the EU and of the European Central Bank (ECB) produce everywhere – and specially in countries in crisis like Italy – a “exception’s state” tending to suspend democracies, to invalidate Constitutions, to deprive of authority Parliaments and States, to cancel their autonomy and their sovereignty.

Peoples are suddenly governed by new and external powers, and the EU presents itself increasingly, in this phase, as a sort of absolute monarchy that extends its domain on the whole European people. The “exception’s state” dramatically impregnate our country and Monti’s government represents the coherent development and achievement of this process.

The end of the Berlusconi’s government and the composition of the new Monti’s government has not happened on the base of a normal parliamentary dialectic, as should constitutionally be. But has happened because of the decision of the Republic’s President that, became interpreter of the strategic interests of the big Italian and European middle class, in full and agreed tune with the national and supranational strong powers (UE, NATO, USA presidency, Vaticano, Confindustria…), has de facto deprived Parliament of its authority, the outgoing government and the political parties, all without exclusion – considering them inappropriate to represent in this phase of deep crisis the polished and coherent business committee of the middle class – and he entrusted the task to an ex European commissioner, Monti, asking him to create a government of technocrats in the service of the policy dominated by the dominion groups of the EU and in full tune with NATO, and imposing de facto to all the parties to support it.

The last year of the Italian policy has been so determined by a regime of austerity and reduction of the public debt, and hard marked by anti-social and unfair tracts, that has unloaded the weight of the crisis principally on the medium-low social classes, that has produced recession and unemployment’s increase, that has heavily hit the social State and the pension system, and that has produced a rigid alignment of the foreign Italian policy to the Euro-Atlantic instructions (as we can see, for example, in the open support to the undeclared war against Syria).

This situation has been made possible also by the subordination (partly desired, partly suffered) of the Democratic Party (PD) to the government’s policy (not without contrasts and internal contradictions), that in turn has influenced the behavior of the CGIL (the principal Italian syndicate), whose opposition to the most unfair measures of the government is been weak and oscillating, and has not emanated all the struggle’s potential of the labor Italian movement, as instead has happened in the occasion of the many general strikes and of the great mobilizations that have characterized in this year, until the “European” strike of the November 14, countries as Portugal or Greece, where certainly the social conditions are tougher, but where also stronger and more determinate are the CCPP and the class’s unionism.

It is no coincidence that the struggle’s day of November 14, when CGIL had proclaimed the general strike of 4 hours, has produced in Italy a serious mobilization specially by students, that has been repressed. And the mobilization of a grassroots unions, combative even if still widely minority.

Emerges, therefore, the priority role, in this phase, that the union class’s movement can and has to play in the clarification, organization and mobilization of the worker masses in strong struggle’s actions, strikes and manifestations in defense of the wage, of the work’s rights and against the unemployment. And an increasing coordination of these struggles at a regional level, helps also to determinate a sort of virtuous contagion of the more advanced situations on the more underdeveloped ones.

The contradictions of the Italian PD, and the ones that are connected to CGIL, have produced tensions and political struggle also inside these organizations that in the Italian context play a very important role in the directing of the masses, from which would be wrong been auto-excluded: also because, due to the weaknesses and to the divisions of Communists and of Italian class’s Left, today they are heavily weakened in its influence on the masses. And this is exacerbated by the fact that, for the first time in the Italian history after the fall of fascism, the Italian Left has been excluded – in the last 5 years – from every kind of parliamentary representation and from the access to the media system, at risk of not surviving as power able to play a role not purely testimonial.

In three months in Italy there will be the national political elections. And on the basis of what is been said, it is not a coincidence that most of the political debate in Italy in this phase of election eve is characterized by the confrontation between two prevailing positions (that characterize also the center-left powers, specially PD): between the ones who present a solution of continuity (Monti-bis) and the ones who, instead, propone a correction on the left that, even if doesn’t question the Italian capitalistic system’s basis and its international alliances, hopes for a regime of stronger social equity, and a foreign policy more independent from Atlantic extremism (this is the case of some sectors of the Italian social democracy, inside and outside PD and CGIL). That is: a dialectic between who wants the return to a political life based on the centrality of Parliament and of the popular sovereignty, and who, instead, (Monti-bis) prefigured the continuity of a technocratic management chosen directly by the strong powers of the Italian and Euro-Atlantic capitalism, that in reality deprive of authority and climb over the popular sovereignty (the so-called “government of the bankers”).

We believe that, also concerning the electoral tactics, Communists and progressive powers in Italy do not have to alienate themselves from this dialectic of positions, and – while maintaining their full strategic and ideological autonomy from all the social democratic positions in their different variants – they have to search all possible tactical convergences to isolate and destroy the most extreme and Right’s positions.

And to have the possibility of affecting the internal dialectic of PD, whose electorate and base of militants (most of them deriving from PCI) still consider itself, and it is open to positions and values of the class’s Left.

We have to work in this way to obtain some partial programmatic results that can be able to affect the life’s conditions of our people; and – last but not least – to return to Parliament a communist and anti capitalistic presence, that is often essential also for resuming a political initiative appropriated and not witness in the country and in the struggles. Our Party works to stop this situation for the next 5 years.

National diversities in the structure, in the balances of power between social classes and political forces, in the institutional superstructures or in conditionings determined by particular election laws and laws of public funding of parties – very different from country to country – can imply for Communists tactical decisions very differentiated and changeable, for which they account, sovereignly, to their peoples, without any kind of external interferences. And that will be valued on the base of the facts and of the results.

Union in the diversity

We are sincerely worried about the divisions that still today characterize in Europe, differently from other areas of the world, the relations between Communist Parties and class Left’s forces.

The discussion honest and conduced with fraternal spirit is always useful, and even better necessary. But if we want to stimulate and develop the national struggles against EU’s social massacre and against NATO’s policy, ideological and strategic and tactical diversities must not be an obstacle to common struggles on partial and shared objectives, widely felt by our peoples; we have to develop the union in the acting of a large front, able to affect situation. As well as has happened in the joint initiatives of November 14th. Especially if we want that European Communist Parties are able, in this phase, inside and outside EU, to be the continental heart of an unitary initiative that advances in a credible and not merely propagandistic way to European peoples the matter of Socialism, the matter of the Socialism’s prospective in this century. In this historical phase in which great dangers for workers and peoples and for humanity itself coexist with factual progressive and also revolutionary possibilities of development.

It seems that, in this phase, the European regional context is not the epicenter of the global revolutionary process, and that the struggles of Communists and progressive powers, especially in European countries, play a role essentially defensive and of forces’ accumulation. In other countries and areas of the world there are different realities, and others that can become different in a short-term. The unequal development of capitalism implies also the unequal development of revolutionary processes.

We believe that a socialistic turn is not on the agenda of the areal context in which we work, as a short-term prospective. We work for intermediate and partial purposes that move in that direction, not losing sight of a global context that could have unforeseen developments, and with an incessant work of growth of the socialist and communist conscience in the struggles’ and peoples’ avant-gardes.

If we will be able, together, to obtain results in that direction, it means we have made a contribution to concretize at least in part the watchword that is the title of this our 14° international meeting: «Strengthen the struggles against escalating imperialist aggressiveness, for satisfying peoples’ socio-economic-democratic rights and aspirations, for socialism».


14° Incontro Internazionale dei Partiti comunisti e operai



Beirut, Libano, 22-25 Novembre 2012


Intervento del Partito dei Comunisti Italiani (PdCI)

Ringraziamo con spirito di solidarietà e gratitudine il Partito Comunista Libanese che, in una fase di acutizzazione dell'offensiva imperialista nella regione del Medio Oriente, sì è assunto l'onere di ospitare questo incontro internazionale.


Consideriamo positivo il titolo e l'impostazione di questo incontro che mette al centro dei suoi lavori il Che fare?, e cioè il modo in cui ciascuno di noi, al livello del proprio contesto nazionale e in modo coordinato su scala regionale e internazionale, puoi contribuire a fronteggiare una effettiva escalation dell'interventismo imperialista, così come essa è venuta sviluppandosi nel corso dell'ultimo anno. E a sostenere i diritti dei lavoratori e dei popoli.



Conosciamo e credo condividiamo tutti le ragioni di fondo, non congiunturali, di questa escalation:

- profondità di una crisi economica di sistema che ha basi strutturali e mette in discussione l'attuale assetto di dominio capitalistico sul pianeta, imperniato sulle maggiori potenze della cosiddetta triade imperialista (Usa-Ue-Giappone);


- mutamento dei rapporti di forza a livello mondiale e geo-strategico che vedono l'emergere di nuove potenze non subalterne (con diversa intensità e determinazione) al dominio della triade imperialista (paesi BRICS e loro affini, paesi non allineati, e cooperazione russo-cinese che svolge un ruolo centrale di contrappeso all'imperialismo): una dinamica che prefigura un declino della leadership dell'imperialismo oggi dominante, a partire dagli Stati Uniti che tentano di arrestare il loro declino facendo leva sulla loro superiorità militare ancora schiacciante sul resto del mondo, in condominio – grazie allo strumento della Nato – con le maggiore potenze imperialiste dell'Unione Europea.


Non ci auguravamo la vittoria di Romney alla presidenza Usa o la rielezione di Sarkozy in Francia, né intendiamo rinunciare ad una analisi differenziata delle diverse tendenze che operano, in modo anche contraddittorio, all'interno del mondo capitalistico. Ma, diversamente dalle speranze o illusioni che una parte della sinistra europea e mondiale ha coltivato o ancora coltiva, non pensiamo che la rielezione di Obama e l'elezione di Hollande in Francia, siano in grado o si propongano di invertire in senso progressista e di pace il corso degli eventi e la crescente aggressività neo-imperialista dell'asse euro-atlantico.


La rielezione di Obama alla presidenza Usa non porta con sé alcuna correzione in positivo del quadro internazionale, infatti Romney, che ha subito assicurato ad Obama la sua collaborazione leale e costruttiva nell'interesse della nazione (tanto più che i repubblicani mantengono alla Camera una solida maggioranza, in grado di condizionare pesantemente le scelte del presidente). Il che prevedibilmente collocherà più a destra la politica del secondo mandato di Obama rispetto al primo.


I primi 4 anni della presidenza Obama, che pure era stata accolta da settori ampi del mondo progressista americano e internazionale come portatrice di un'autentica svolta progressiva, hanno demolito speranze e illusioni. Esse si sono clamorosamente infrante – sono solo alcuni esempi – con la guerra di aggressione alla Libia, l'incipiente accerchiamento militare della Cina, le ingerenze militari in Siria (una guerra non dichiarata), le minacce di guerra all'Iran, l'aumento sostanzioso delle spese militari (che solo negli ultimi 6 mesi sono cresciute del 13% e hanno “contribuito” al 50% della crescita del PIL..), o nell'incapacità (o impossibilità, o non volontà) di porre alcuni limiti seri allo strapotere del capitale finanziario negli affari interni e internazionali, che rimane una delle cause più profonde della crisi mondiale.


In una situazione aggravata da una crisi economica mondiale del sistema capitalistico che ha basi strutturali, Obama si troverà ad affrontare una situazione interna segnata da una crisi profonda, con un debito pubblico interno salito a livelli astronomici; e un debito estero che è il più grande del mondo, una economia stagnante a rischio di recessione.


Continua ad incombere il rischio che il declino economico e politico della principale potenza imperialista possa indurre le sue componenti più reazionarie a risolvere la contraddizione ricorrendo in modo organico alla schiacciante superiorità militare che gli Usa conservano sul resto del mondo; ed a tentare di uscire dalla propria crisi economica “manu militari”, e recuperare la propria leadership planetaria, anche al prezzo di un conflitto globale.


Come dice giustamente il titolo del nostro incontro, la lotta contro una escalation dell'aggressività imperialista si conferma come una delle priorità dei comunisti in questa fase.

Lo constatiamo in questi giorni in cui, drammaticamente, il popolo palestinese è vittima di una nuova brutale aggressione da parte israeliana, senza che Usa o Ue muovano un dito (anzi in un contesto in cui questi paesi e anche la Nato nel suo insieme confermano la cooperazione militare con Israele). Mentre prosegue la guerra non dichiarata contro la Siria, le minacce di aggressione all'Iran e al Libano, le interferenze anche militari in un Sudan ormai spaccato in due, che rischiano di provocare un conflitto di proporzioni enormi in tutta la regione, con pericoli concreti di una sua estensione più a largo raggio. Mentre la presidenza Obama conferma la scelta di dislocare il 60% del potenziale aereo-navale Usa e oltre mezzo milione di uomini nella regione Asia-Pacifico, con una logica di accerchiamento della Cina; e la Nato conferma la scelta del cosiddetto “scudo spaziale” in funzione anti-russa.


Vorremmo essere smentiti, ma sul terreno della lotta per una politica estera alternativa, contro i piani aggressivi della Nato e dell'imperialismo, contro la presenza e l'utilizzo di basi Nato sul proprio territorio nazionale, contro le aggressioni (ieri Libia, oggi Siria) il movimento della pace oggi è in grave crisi nei Paesi dell'Ue – sicuramente in Italia.


Le ragioni sono molte, oggettive e soggettive:

-lavoratori e popoli europei sono concentrati nella difesa di se stessi dalla linea di massacro sociale promossa dall'Ue e dai governi nazionali;
-un livello che non ha precedenti storici di disinformazione mediatica;


-una debolezza di orientamento di molti PPCC e sindacati (come quando si dipingono ieri Milosevic, Saddam e Gheddafi, oggi Assad, come mostri sanguinari dediti al genocidio...).


Siamo convinti che il movimento contro la guerra e l'interventismo imperialista può riprendersi nei paesi Ue solo se si determina, in primo luogo, un intreccio, anche nelle mobilitazioni sindacali, tra lotta contro la guerra e lotte sulle questioni sociali più sentite dalle grandi masse, ad esempio introducendo il tema della riduzione delle spese militari nelle piattaforme sindacali.

Come è noto, l'Italia e le decine di basi americane e di basi Nato disseminate sul suo territorio, svolgono un ruolo logistico di grande importanza nel sistema di aggressione ai popoli della regione euro-mediterranea:


- ieri nella guerra contro la Yugoslavia, contro l'Iraq, contro la Libia;


- oggi nel supporto al sistema americano AfriCom (che pianifica l'intervento militare Usa nel continente africano), nella cooperazione militare con Israele, nelle interferenze politiche e militari contro la Siria, vanificando così una tradizionale politica italiana di amicizia col popolo palestinese e i popoli arabi che per decenni aveva per molti versi caratterizzato il nostro paese. E mentre continua l'impegno bellico in Afghanistan.


Anche dal punto di vista della politica estera l'attuale governo “tecnico” italiano si configura come il peggiore e il più atlantista dell'Italia repubblicana. La scelta di Monti come premier, Di Paola come ministro della Difesa, Terzi come ministro degli esteri, è stato caldeggiato da Washington grazie agli stretti rapporti che intercorrono tra il Quirinale e la Casa Bianca, consolidatisi durante il conflitto libico.


Non ci nascondiamo, e non vi nascondiamo, la grande debolezza in cui versa oggi nel nostro paese lo schieramento delle forze comuniste, anti-capitalistiche, antimperialiste. Ed anche la loro grande frammentazione. Nonostante il duro lavoro in questi anni ed il processo di Ricostruzione del Partito Comunista, avviato in Italia con il nostro Congresso, dobbiamo fare i conti con una difficoltà sociale molto forte. Da noi, a differenza che in altri paesi europei, la lotta operaia e di classe è molto debole. Questo ci induce ad una fermezza nei principi, ma anche grande flessibilità tattica, ed un minimo di corrispondenza tra il dire e il fare, se si vuol essere credibili agli occhi dei popoli.



UE: non è questa l'Europa che vogliamo


La quasi totalità dei popoli dell'Ue sono vittime della profonda offensiva che mira ad aumentare lo sfruttamento, a distruggere i diritti socio-economici e democratici dei lavoratori e dei popoli conquistati con decenni di lotta e a imporre un ancora maggiore grado di concentrazione e centralizzazione della ricchezza, soprattutto attraverso l'imposizione sovranazionale di relazioni di dominio economico e politico al servizio del grande capitale e contrarie al diritto sovrano dei popoli a decidere in piena autonomia le vie del proprio sviluppo economico e sociale.

Respingiamo la tesi di molti leader di centro-destra e di centro-sinistra dell'UE, secondo cui si esce dalla crisi rafforzando l'unità politica ed economica di questa Unione europea su basi federaliste, delegando a super-poteri sovranazionali spazi ancora maggiori di sovranità nazionale, anche se ciò – come motivano alcuni – si accompagnasse ad un rafforzamento dei poteri del Parlamento europeo.


Nel contesto degli attuali rapporti di forza e di classe in questa parte del mondo, nel contesto ciò di questa Ue, dominata dal grande capitale multinazionale e dalle oligarchie finanziarie, subalterna alla NATO e all'egemonia dei nuclei dominanti dell'imperialismo - ora in concertazione, ora in competizione con l'imperialismo americano, ma nella stessa logica reazionaria – rafforzare l'unità politica ed economica di questa Ue significa rafforzare il nostro avversario di classe e i principali responsabili della politica di guerra e di massacro sociale che il nostro popolo e il nostro Paese stanno subendo.


Si tratta invece, anche per l'Italia, di rafforzare gli elementi statuali di difesa della sovranità della nazione e del Parlamento dall'attacco reazionario: difesa della sovranità di un'Italia non liberista che torni a un ruolo forte dello Stato nell'economia, di orientamento democratico e progressivo della produzione, nello spirito e nella lettera della nostra Costituzione. E una politica estera che rifugga da ogni interventismo militare neo-imperialista all'estero, nel rispetto dell'art.11 della nostra Costituzione.


Non siamo contrari per principio al rafforzamento di processi regionali di integrazione se essi (come quelli in corso in America Latina, o nell'area euro-asiatica) difendono gli interessi dei popoli e contribuiscono alla costruzione di alternative al dominio egemonico dell'imperialismo. Ma non è questo il caso della UE.


Non pensiamo ad alcun ripiegamento autarchico (che sarebbe fuori dalla storia nell'epoca della globalizzazione), ma ad una logica di concertazione e cooperazione economica, politica e valutaria con l'area dei BRICS e dei paesi non allineati, e con tutte le forze che nella regione pan-europea (dentro e fuori la Ue) operano per una cooperazione continentale e mondiale, alternativa a quella imperialista e neo-liberista.


Nell'Unione europea, operiamo – con tutte le forze disponibili e convergenti - per contrastare le ipotesi in atto di revisione dei Trattati che, abbandonando ogni elemento di coesione sociale e solidarietà tra aree forti e aree deboli, accentuano disuguaglianze sociali e asimmetrie macroeconomiche, vanificano ogni partecipazione democratica dei popoli alla costruzione europea, ridimensionano ulteriormente la sovranità nazionale dei paesi più deboli, e pretendono di introdurre per legge - con misure punitive per i trasgressori - misure coercitive e antipopolari di riduzione dei deficit statuali (come il fiscal compact), che avrebbero come conseguenza la distruzione di cioè che rimane di ogni parvenza di Stato sociale.


I popoli europei stanno reagendo, in forme e misura diversa da paese a paese, alla politica Ue di massacro sociale. Lo sviluppo dei movimenti di lotta (che hanno visto nello sciopero generale del 14 novembre un momento importante di coordinamento delle lotte nazionali su scala regionale, soprattutto in Portogallo, Grecia, Spagna e in misura minore Italia), ed anche l'avanzata complessiva delle forze comuniste e di sinistra in numerose consultazioni elettorali (Spagna, Francia, Grecia, Belgio, Repubblica Ceka, Olanda...) pur nella loro grande diversità, esprimono complessivamente aspirazioni popolari ad una cambiamento progressivo, anche se producono esiti politici e istituzionali di segno assai diverso.


E' auspicabile che, pur nella diversità delle rispettive impostazioni strategiche e dei profili ideologici, i comunisti e tutte le forze autenticamente progressiste e di sinistra sappiano elaborare una risposta comune e convergente, con una base tattica anche minima di unità d'azione, su obiettivi anche parziali. Un contesto di divisione e contrapposizione tra le forze progressiste, anti-liberiste e di pace non giova agli interessi popolari. Indebolisce la nostra lotta.

Sottrarsi alla morsa Ue diversificando le proprie relazioni economiche, politiche e finanziarie internazionali


Consideriamo degna di attenzione l'esperienza di Cipro. Il governo cipriota, diretto dai compagni di Akel, di fronte all'esigenza di un prestito finanziario pari a circa 4 miliardi di euro, oltre che rivolgere la sua richiesta agli istituti finanziari dell'Ue, si è rivolto anche ad altri paesi extra-Ue come Russia e Cina per accordi bilaterali che non prevedono quelle condizioni capestro in termini di interessi, vincoli e pretese di interferenza nella politica interna dei paesi interessati, con modalità assai diverse da quelle in uso nell'Unione europea e nella BCE, come abbiamo visto nel caso estremo della Grecia, ma anche nell'Italia del governo Monti.


Questa logica colpisce la sovranità nazionale dei singoli paesi; sovranità che in nome dell' ”Europa politica più integrata e federale”, i poteri forti di questa Ue neo-imperialista ed euro-atlantica, con il consenso delle rispettive borghesie nazionali, vorrebbero rendere ancora più subalterni agli interessi dei centri dominanti del capitalismo europeo (altro che “Europa dei popoli”!). Nessuno si faccia fuorviare da certa retorica “europeista” che a volte viene bevuta anche a sinistra senza il minimo senso critico: questa Unione europea “più politica e integrata” che hanno discusso a Bruxelles i vari Merkel, Hollande, Monti, Cameron, con la benedizione del presidente Obama, è una Unione in cui, come scrive apertamente il principale quotidiano della borghesia italiana, il Corriere della Sera, “Bruxelles potrà riscrivere i bilanci dei singoli Stati”; per cui “la Finanziaria di uno Stato che abbia i conti in disordine sarà esaminata in Europa prima ancora di approdare in Parlamento”. E “sarebbe di fatto riscritta a Bruxelles se non convince, e con la pena di multe salate se non si adeguasse”.


Quello che l'esperienza di Cipro ci indica, in piena autonomia dalla Nato e dai condizionamenti più pesanti di questa Ue di cui essa pure fa parte, è l'esigenza di una diversificazione delle proprie relazioni economiche, politiche, finanziarie dentro e fuori la Ue, con una sguardo attento ai BRICS e a quelle grandi potenze emergenti, come Russia e Cina, che, diversamente dai poteri forti della Ue, concedono prestiti senza pretendere di interferire nella politica economica interna dei paesi debitori: semmai stabilendo con essi rapporti di cooperazione mutualmente vantaggiosi, nel rispetto rigoroso delle rispettive sovranità, così come dovrebbe essere in un nuovo ordine mondiale democratico, di cooperazione e di pace. Che non è certo quello che oggi ci viene prefigurato dalla cosiddetta “comunità euro-atlantica” di cui l'Italia e il suo governo sono succubi.

Sulla situazione italiana


Le richieste iper-liberiste e antisociali dell'Ue e della Banca centrale europea (BCE) producono ovunque – e in special modo in paesi in crisi come l’Italia - uno “stato di eccezione” tendente a sospendere le democrazie, ad invalidare le Costituzioni, ad esautorare i Parlamenti e gli Stati, ad annullare la loro autonomia e sovranità.


I popoli si ritrovano d’improvviso ad essere governati da nuovi ed esterni poteri, e la UE si presenta sempre più, in questa fase, come una sorta di monarchia assoluta che estende il proprio dominio sull’intera popolazione europea. Lo “stato di eccezione” segna drammaticamente di sé il nostro Paese ed il governo Monti rappresenta lo sviluppo coerente e il compimento di questo processo.La fine del governo Berlusconi e la formazione del nuovo governo Monti, non è avvenuta sulla base di una normale dialettica parlamentare, come pure dovrebbe essere costituzionalmente. Bensì è avvenuto per decisione del Presidente della Repubblica che, fattosi interprete degli interessi strategici della grande borghesia italiana ed europea, in piena e concordata sintonia coi poteri forti nazionali e sovranazionali (EU, Nato, presidenza USA, Vaticano, Confindustria...), ha di fatto esautorato il Parlamento, il governo uscente e i partiti politici, di centro-destra e di centro-sinistra -considerati inadeguati a rappresentare in questa fase di grave crisi il comitato d'affari lucido e coerente della borghesia – ed ha affidato tale compito ad un ex commissario UE, Monti, chiedendogli di formare un governo di tecnocrati al servizio della politica determinata dai gruppi dominanti della EU e in piena sintonia con la NATO, e imponendo di fatto ai due schieramenti di CD e CS di sostenerlo.


L'ultimo anno della politica italiana è stata così determinata da una linea di austerità e riduzione del debito pubblico fortemente segnata da tratti anti-sociali e iniqui, che ha scaricato il peso della crisi in massima parte sui ceti sociali medio-bassi, che ha prodotto recessione e aumento della disoccupazione, che ha fortemente colpito lo Stato sociale e il sistema pensionistico, e che ha prodotto un rigido allineamento della politica estera dell'Italia alle direttive euro-atlantiche (come si vede ad esempio nell'aperto sostegno alla guerra non dichiarata contro la Siria).


Questa situazione è stata resa possibile anche dalla subalternità (in parte voluta, in parte subita) del PD alla politica del governo (non senza contrasti e contraddizioni interne), che a sua volta ha condizionato il comportamento della CGIL (il principale sindacato italiano), la cui opposizione alle misure più inique del governo è stata debole e oscillante, e non ha sprigionato tutto il potenziale di lotta del movimento operaio italiano, come invece è avvenuto ad esempio in occasione dei numerosi scioperi generali e delle grandi mobilitazioni che hanno caratterizzato in questo anno, fino allo sciopero “europeo” del 14 novembre scorso, paesi come il Portogallo o la Grecia, dove certamente le condizioni sociali sono più dure, ma dove anche più forti e determinati sono i PPCC e il sindacalismo di classe.


Non è un caso che la giornata di lotta del 14 novembre, dove la CGIL aveva comunque proclamato uno sciopero generale di 4 ore, ha visto in Italia una mobilitazione forte soprattutto da parte degli studenti, che è stata duramente repressa. E di un sindacalismo di base, combattivo anche se ancora largamente minoritario.


Emerge qui il ruolo prioritario, in questa fase, che il movimento sindacale di classe può e deve svolgere nell'opera di chiarificazione, nell'organizzazione e nella mobilitazione delle masse lavoratrici in forti azioni di lotta, scioperi e manifestazioni in difesa dei salari, dei diritti del lavoro e contro la disoccupazione. E un crescente coordinamento di queste lotte su scala regionale, aiuta anche a determinare una sorta di contagio virtuoso delle situazioni più avanzate rispetto a quelle più arretrate.


Le contraddizioni del PD italiano, e quelle connesse della CGIL, hanno comunque prodotto tensioni e lotta politica anche all'interno di queste organizzazioni che nel contesto italiano rivestono una importanza notevole rispetto all'orientamento di grandi masse, da cui sarebbe sbagliato autoescludersi: anche perchè, a causa delle debolezze e divisioni dei comunisti e della sinistra di classe italiana, essa si trova oggi fortemente indebolita nella sua influenza di massa. E il tutto è aggravato dal fatto che, per la prima volta nella storia d'Italia dopo la caduta del fascismo, essa si è trovata esclusa - negli ultimi 5 anni - da ogni rappresentanza parlamentare e dall'accesso sia pur minimo al sistema mediatico, a rischio stesso di sopravvivenza come forza capace di svolgere un ruolo non puramente testimoniale.


Tra poco più di tre mesi si terranno in Italia nuove elezioni politiche generali. E sulla base della cose dette, non è un caso che buona parte del dibattito politico in Italia in questa fase di vigilia elettorale sia caratterizzato da un confronto tra due posizioni prevalenti (che attraversano anche le forze di centro-sinistra e in particolare il PD): tra chi prospetta una soluzione di continuità (Monti-bis) e chi invece propone una correzione a sinistra che, pur non mettendo in discussione le basi del sistema capitalistico italiano e le sue alleanze internazionali, auspica una linea di maggiore equità sociale, ed una politica estera più indipendente dall'oltranzismo atlantico (è il caso di alcuni settori della socialdemocrazia italiana, interni ed esterni al PD e alla CGIL). Ovvero: una dialettica tra chi auspica il ritorno ad una vita politica fondata sulla centralità del Parlamento e della sovranità popolare, e chi invece (il Monti-bis) prospetta la continuità di una gestione tecnocratica scelta direttamente dai poteri forti del grande capitale italiano ed euro-atlantico, che di fatto esautora e scavalca la sovranità popolare (il cosiddetto “governo dei banchieri”).

Noi pensiamo che, anche sul terreno della tattica elettorale, i comunisti e le forze progressive in Italia non debbano estraniarsi da questa dialettica di posizioni, e - pur mantenendo una loro piena autonomia strategica e ideologica da tutte le posizioni di tipo socialdemocratico nelle loro diverse varianti - debbano ricercare tutte le convergenze tattiche possibili per isolare e sconfiggere le posizione più oltranziste e di destra. E per influire sulla dialettica interna al PD, il cui elettorato e la cui base militante (in buona misura ex PCI) si considera ancora, ed è permeabile a posizioni e valori di una sinistra di classe.


Ciò al fine di ottenere alcuni risultati programmatici parziali capaci di incidere sulle condizioni di vita del nostro popolo; e - last but not least - per poter riportare in Parlamento una presenza comunista e di sinistra anticapitalistica, che è per molti versi essenziale anche per la ripresa di una iniziativa politica appropriata e non testimoniale nel paese e nelle lotte. Il nostro partito opera affinché tale situazione non abbia a perpetuarsi nei prossimi 5 anni.

Diversità nazionali strutturali, di rapporti di forza tra le classi e le forze politiche, di sovrastrutture istituzionali o condizionamenti determinati da peculiari leggi elettorali e di finanziamento pubblico dei partiti - assai diverse da paese a paese - possono comportare per i comunisti scelte tattiche assai differenziate e mutevoli, di cui essi rispondono, sovranamente, ai rispettivi popoli, senza interferenze esterne, di qualunque natura. E che saranno comunque valutate sulla base dei fatti e dei risultati.



Unità nella diversità


Siamo seriamente preoccupati per le divisioni che continuano a caratterizzare in Europa, diversamente da altre regioni del mondo, le relazioni tra i partiti comunisti e le forze della sinistra di classe.


La discussione franca e condotta con spirito fraterno è sempre utile, anzi necessaria. Ma se vogliamo dare impulso e sviluppo alle lotte nazionali contro la linea Ue di massacro sociale e contro la politica della NATO, diversità di natura ideologica e anche di strategia e tattica; non devono essere di ostacolo a lotte comuni su obbiettivi parziali e condivisi, largamente sentiti dai nostri popoli; ad uno sviluppo dell'unità d'azione di un fronte ampio, capace di incidere sulla situazione. Come pure in parte è stato con le iniziative congiunte del 14 novembre. Tanto più se vogliamo che i partiti comunisti europei siano in grado, in questa fase, dentro e fuori la Ue, di porsi come fulcro continentale di un'iniziativa unitaria che riproponga in modo credibile e non meramente propagandistico ai popoli europei la questione del socialismo, la questione delle prospettive del socialismo in questo secolo. In una fase storica in cui grandi pericoli per i lavoratori e i popoli e per la stessa umanità coesistono con reali possibilità di sviluppo progressiste e anche rivoluzionarie.


Ci sembra che in questa fase, il contesto regionale europeo non sia certamente l'epicentro del processo rivoluzionario mondiale, e che le lotte dei comunisti e delle forze progressiste, segnatamente nei paesi UE, rivestano un carattere essenzialmente difensivo e di accumulazione di forze. In altri paesi e regioni del mondo le cose sono assai diverse, o possono diventarlo anche a breve termine. Lo sviluppo ineguale del capitalismo porta con sé anche lo sviluppo ineguale dei processi rivoluzionari.


Crediamo che uno sbocco di tipo socialista non sia all'ordine del giorno nel contesto regionale in cui operiamo, come prospettiva a breve termine. Lavoriamo per obiettivi intermedi e parziali che muovano comunque in quella direzione, con l'occhio attento ad un contesto mondiale dagli sviluppi imprevedibili, e con un lavoro incessante di maturazione di una coscienza socialista e comunista nelle avanguardie di lotta e nei popoli.


Se sapremo, insieme, ottenere dei risultati in quella direzione, avremo dato un contributo a concretizzare almeno in parte la parola d'ordine con cui abbiamo intitolato questo nostro 14° incontro internazionale: “Rafforzare le lotte contro l'escalation dell'aggressività imperialista, per il soddisfacimento dei diritti sociali, economici e democratici dei popoli, per il socialismo”.