20 IMCWP, Written Contribution of Italian CP

11/23/18 9:27 PM
  • Italy, Italian Communist Party 20th IMCWP En Europe Communist and workers' parties

20th International Meeting of Communist and Workers' Parties

23-25 November Athens, Greece 

The contemporary working class and its alliance. The tasks of its political vanguard – the Communist and Worker’s Parties – in the struggle against exploitation and imperialist wars, for the rights of the workers and of the peoples, for peace, for socialism 

Contribution of Italian Communist Party (PCI)

 

***

 

Dear comrades, firstly we would like to thank KKE for organising and hosting the 20th IMCWP. These meetings couldn’t exist without the pioneering role played by CP of Greece in organising this kind of meeting that allow all of us to share experience and ideas and fight together. These meeting is also a good way to celebrate the hundred anniversary of the foundation of the vanguard of the Greek working class, the Communist Party of Greece. 

Dear comrades, 200 years after the birth of Karl Marx and 170 years from the publication of the Communist Manifesto, “the ghost of communism” still hovers around Europe and the world, thanks to the strengthening of socialist experiences (China, Korea, Cuba, Vietnam) and to the struggle of the world proletariat and the working class, even in the countries with advanced capitalist system and thanks to the role that the communist and workers' parties play, each in its own unique national context. At the same time the anti-imperialist processes, that have changed the international balance of power in the world, have been strengthened, reducing the hegemony that USA has reached after the defeat of the USSR. The sharpening of US and NATO military aggression is a response - in terms of military hegemony - to this change in the international relation of forces, often driven by new and vast alliances and international cooperation of forces and countries (such as the movement of non-aligned countries, the BRICS or the country member of Shanghai Cooperation Organization) that play a decisive role of counterweight to US domination. 

The communist and worker’s forces are called upon to do their part to avoid new military escalation leaded by imperialist forces and we’re called to be the most conscious and consistent player of the anti-imperialist struggle. The construction of a new and great movement against war and against NATO is the main urgent goal of the world communist and revolutionary movement and this task is linked, according to the characteristics of each national condition, to the defence of the working class’s right and to the struggle for socialism.

Italy is under an imperialist military occupation: about 120 NATO and US bases are placed in our country, equipped with at least 70 nuclear bombs; furthermore, about 50 thousand soldiers and North American officers are based in those military bases. They constitute a real anti-democratic “counter-power" that in the past was used to balance the power of working class’ struggles and today they still represent a daily interference in the domestic policies. While the people’s condition is getting the worst day by day, our country spends about 80-million-euro par day for military expenses and to be Nato member. The Italian Communist Party is fighting for the exit of our country from NATO, for the closure of the military foreign bases and the withdrawal of Italy from military missions and to ban the illegal nuclear weapon stored in foreign bases and out of the control of Italian Parliament. Nevertheless, we are against the constitution of the European army, as recently proposed, once again, from Germany and France. 

In this international scenario we evaluate the anti-people and regressive nature of the EU that is openly showing its real nature, representing the unity of the great European transnational capital, whose process has been accelerated since the collapse of the USSR. The founding Treaties of the EU reveal its neoliberal and militaristic nature and allow the reduction of salaries, rights and welfare in the continent, eroding the achievements of the workers' struggles after the Second World War. 

In our country the anti-EU struggles are taking important steps in the consciousness of the people and on political level with specific initiative that call popular mobilisation for a referendum against the Constitutional reform made by former governments that has subordinate the country’s interest to the EU diktat.

In this framework, characterised by the impossibility to reform the EU, we consider necessary the break of EU’s cage and to dismantle its Treaties. Furthermore,under this conditions will be inevitable to overcome from Eurozone. Our political horizon is based on the relations of the European countries based on mutual cooperation and solidarity in the framework of a new European project that embrace all European continent, “from Portugal to Russia”, as a community of independent and sovereign countries, that shows solidarity each others, aimed by the spirit of peace, cooperation and solidarity with the other world countries and open to the cooperation with new international anti-imperialist blocks.

The titanic and hegemonic propaganda that imperialism extends to Western capitalist societies aims to remove its historical crisis and important tendencies are hidden from media system. The first one is the tendency - that has great historical significance - to the concentration of economic power, to the point that 1% of the world's population has a wealth equal to that of the remaining 99%; the second is that, instead of disappearing as the capitalist propaganda has told for years, the world working class is booming and, it shows us the centrality of the class struggle and of the absolute actuality of socialism. 

The developments in the international and domestic situation demand a truly alternative path that continues to be postponed in our country by the choices made by the ruling classes, but the evolution of the national path, in recent years, confirms the decisive and irreplaceable role and need of the struggle of the workers, the role of the anti-monopoly and social sectors, with the aim to defence, restore and conquest new rights, and as a decisive condition for the construction of the  left-wing alternative that can open a new stage in the road for socialism in our country.

 


 

20° Incontro internazionale dei partiti comunisti e operai

23-25 novembre Atene, Grecia 

La classe lavoratrice contemporanea e la sua alleanza. I compiti della sua avanguardia politica - i partiti comunisti e operai - nella lotta contro lo sfruttamento e le guerre imperialiste, per i diritti degli operai e dei popoli, per la pace, per il socialismo

 

Contributo del Partito Comunista Italiano (PCI)

 

***

 

Cari compagni, in primo luogo vorremmo ringraziare il KKE per aver organizzato ed ospitato il 20° Incontro Internazionale dei Partiti Comunisti ed Operai. Questi incontri non potrebbero esistere senza il ruolo pioneristico che il PC greco ha svolto, organizzando per anni questi incontri che consentono a tutti noi di condividere esperienze ed idee e combattere insieme. Questo meeting è anche un buon modo per celebrare il centenario della fondazione dell'avanguardia della classe lavoratrice greca, il Partito Comunista greco. 

Cari compagni, 200 anni dopo la nascita di Karl Marx e 170 anni dalla pubblicazione del Manifesto del partito comunista, "lo spettro del comunismo" si aggira ancora in Europa e nel mondo, grazie al rafforzamento delle esperienze socialiste (Cina, Corea, Cuba, Vietnam) e alla lotta del proletariato mondiale e della classe operaia, anche nei paesi a capitalismo avanzato e grazie al ruolo svolto dai partiti comunisti e operai, ciascuno nel proprio specifico contesto nazionale. Allo stesso tempo, i processi antimperialisti, che hanno cambiato i rapporti di forza nel mondo, si sono rafforzati, riducendo l'egemonia che gli Stati Uniti hanno conseguito dopo la sconfitta dell'URSS. L'acutizzazione dell'aggressione militare USA e NATO è una risposta - in termini di egemonia militare - a questo cambio nel rapporto di forza internazionale, grazie al ruolo avuto dalle nuove e vaste alleanze e dalla cooperazione internazionale di forze e paesi (come il movimento di paesi allineati, i BRICS o membri del paese della Shanghai Cooperation Organization) che svolgono un ruolo decisivo di contrappeso al dominio degli Stati Uniti. 

Le forze comuniste ed operaie sono chiamate a fare la loro parte per evitare una nuova escalation militare guidata dalle forze imperialiste e siamo chiamati ad essere gli attori più consapevoli e coerenti della lotta antimperialista. La costruzione di un nuovo e grande movimento contro la guerra e contro la NATO è il principale obiettivo immediato del movimento comunista e rivoluzionario mondiale e questo compito è legato, a seconda delle caratteristiche di ogni condizione nazionale, alla difesa dei diritti della classe operaia ed alla lotta per il socialismo.

L'Italia è sotto occupazione militare imperialista: circa 120 basi NATO e USA sono dislocate nel nostro paese, equipaggiate con almeno 70 bombe nucleari; inoltre, circa 50 mila soldati e ufficiali nordamericani sono stanziati in quelle basi. Costituiscono un vero e proprio "contro-potere" antidemocratico che in passato è stato usato per bilanciare la forza delle lotte della classe operaia, e che oggi continua a rappresentare un'interferenza quotidiana nella politica nazionale; mentre le condizioni materiali delle persone peggiorano giorno dopo giorno, il nostro paese spende circa 80 milioni di euro al giorno in spese militari e per essere membri della NATO. Il Partito Comunista Italiano lotta per l'uscita dell'Italia dalla NATO, per la chiusura delle basi militari straniere ed il ritiro dell'Italia dalle missioni militari e per bandire le armi atomiche illegali immagazzinate nelle basi straniere presenti in Italia, che sono fuori dal controllo del Parlamento italiano. Inoltre, siamo contrari alla costituzione dell'esercito europeo come recentemente proposto, ancora una volta, dalla Germania e dalla Francia. 

In questo scenario internazionale valutiamo la natura anti-popolare e regressiva dell'UE che mostra apertamente la sua vera natura, rappresentando l'unità del grande capitale transnazionale europeo, il cui processo è stato accelerato dal crollo dell'Unione Sovietica. I Trattati europei disvelano la sua natura neoliberista e militaristica ed a favore della riduzione dei salari, dei diritti e del welfare in tutto il continente, erodendo i frutti delle grandiose lotte operaie del secondo dopoguerra. 

Nel nostro paese le lotte anti-UE stanno facendo importanti passi in avanti, sia nella coscienza della gente che a livello politico, grazie all'indizione di un referendum di iniziativa popolare che punta ad abolire le riforme costituzionali adottate dai precedenti governi e che hanno subordinato l'interesse del paese al diktat dell'UE .

In questo contesto, caratterizzato dall'impossibilità di riformare l'UE, riteniamo necessario rompere la gabbia UE e smantellare i trattati e, in queste condizioni, riteniamo che sarà inevitabile uscire dall'Eurozona. Il nostro orizzonte politico si basa sul rapporto tra paesi europei basato sulla reciproca cooperazione e sulla solidarietà, nel quadro di un nuovo progetto che abbraccia tutto il continente europeo, "dal Portogallo alla Russia", come comunità di paesi indipendenti, sovrani, e solidali, animato da spirito di pace, cooperazione e solidarietà con gli altri paesi del mondo ed aperta alla cooperazione con i nuovi blocchi internazionali anti-imperialisti. 

La titanica ed egemone propaganda che l'imperialismo estende alle società capitaliste occidentali mira a nascondere la sua crisi ed importanti tendenze vengono nascoste dal circuito mediatico. La prima è la tendenza - che ha un grande significato storico - alla concentrazione del potere economico, al punto che l'1% della popolazione mondiale ha una ricchezza pari a quella del restante 99%; la seconda è che, invece di scomparire come la propaganda capitalista ha raccontato per anni, la classe operaia mondiale sta crescendo esponenzialmente e ci mostra la centralità della lotta di classe e dell'attualità piena del socialismo. 

Gli sviluppi nella situazione internazionale e nazionale richiedono un percorso veramente alternativo che continua ad essere rinviato nel nostro Paese dalle scelte fatte dalle classi dirigenti, ma l'evoluzione del percorso nazionale, negli ultimi anni, conferma il ruolo decisivo ed insostituibile ed il bisogno della lotta dei lavoratori, come del ruolo dei settori anti-monopolisti e dei movimenti sociale, con l'obiettivo di difendere, ripristinare e conquistare nuovi diritti e come condizione decisiva per la costruzione di una alternativa di sinistra, che può aprire una nuova tappa sulla strada del socialismo nel nostro paese.

Events

September 18, 2020 - September 19, 2020 - Barcelona 2nd Congress of Communists of Catalonia
November 27, 2020 - November 29, 2020 - Portugal XXI Congress of the Portuguese Communist Party
September 3, 2021 - September 5, 2021 - Portugal 45th edition of the «Avante!» Festival