13 IMCWP, Contribution of CP of Cuba [En., It.]

12/11/11 6:05 PM
  • Cuba, Communist Party of Cuba IMCWP En It
http://www.pcc.cu/


13th International Meeting of Communist and Workers' Parties
Athens, December 9-11, 2011

SOCIALISM IS THE FUTURE!
The international situation and the experience of the communists 20 years after the counterrevolution in the USSR. The tasks for the development of the class struggle in conditions of capitalist crisis, imperialist wars, of the current popular struggles and uprisings, for working class-popular rights, the strengthening of proletarian internationalism and the anti-imperialist front, for the overthrow of capitalism and the construction of socialism.




Contribution of CP of Cuba

Speech of the Representative of the Communist Party of Cuba at the Meeting of Communist and Workers Parties

GREECE, DECEMBER 9-11, 2011

Esteemed Comrades:

To meet again with the common endeavour to coordinate our struggle is already an indisputable achievement for those of us who have consciously taken up the responsibility to be the voice of all peoples. To be here today is a new challenge to those that, day by day, try to suppress and suffocate the cry for freedom in many parts of the world.,The purpose that summons us has an expression of urgent need, in the face of an increasingly complex and dangerous outlook for mankind.

First of all, we would like to express our gratitude to the Communist Party of Greece (KKE) for the effort to organize and secure this meeting, acknowledging the difficult situation in which it has had to work. This event has an especial meaning for the fact that it takes place in a scenario which has witnessed important struggles during this year of the Greek people, who have faced with courage and determination the cruel and unjust capitalist strategies. The rallying and coordinating role played by the KKE has been crucial in this. We express our militant solidarity with the Party and the combative people of Greece.

We sincerely hope that our discussions will consolidate in each country the role of the parties present here and will offer alternatives to face, in a united way, the impact of the present crisis and the unsustainable neoliberal system.

Imperialism is showing its deepest weaknesses and contradictions and the crisis is expressing itself as a structural phenomenon which cannot be overcome without a dramatic impact in the very capitalist system.

Governments have implemented, ignoring the popular outcry, urgent packages to rescue the banking system. Huge amount of resources from the taxes paid by their citizens have been used to cover the big liquidity deficit of the banks, as a result of the irresponsible and speculating policies of these institutions at the service of the

exploitative classes. They have implemented the so called "austerity measures", under the pretext that it is necessary to cover the state deficit, something which is worsened by the rescue of the banks. And as a result of all this, once again, all the burden of the crisis is unloaded on the shoulders of the workers and ordinary citizens.

On the other hand, the sudden slowdown of world trade has brought about a big economic contraction in the weakest countries, resulting in an increase of poverty and unemployment. The climate change, natural disasters and the weakness of the dollar have caused a skyrocketing increase of oil and food prices, dragging millions of people to hunger and marginalization. There is an increase of conflicts for the control of natural resources, which leads dangerously to wars that threaten world peace and, therefore, the human race.

"The crisis of the neoliberal model imposed during the 1990s by the so called Consensus of Washington on Latin America and the Caribbean brought about the emergence of several popular governments and uprisings, as well as the proliferation of militant social movements, among which we have to highlight the indigenous people, the students, the working sectors and unemployed people. It should be noted that during the absolute reign of neoliberalism and the unipolar world in the 1990s, the words "socialism" and "imperialism" almost disappeared from the public language of almost all left parties and leaders, and even more of the center-left. One of Chavez's merits was to define, from January 2004 to the beginning of 2005, the anti-imperialist and socialist course of the Bolivarian Revolution. Thereafter and on the basis of the new realities unleashed by the nationalistic and radical processes in Bolivia and Ecuador and the debate in this context on the socialism of the 21st century -also promoted by Chavez-, the issue of socialism has started to be raised again in a minority, but increasing, group of parties and leaders.

The abovementioned compels us to intensify, strengthen and sharpen to the maximum our abilities and strengths in order to make more systematic, efficient and wider our influence and solidarity with these processes in favour of the anti- imperialist and anti-capitalist struggles and projects and all the national and popular gains that pave the way for this historical course."

Today that the powerful western states and, specifically, the European Union are facing a serious systemic crisis, the Latin American and Caribbean countries with the recent foundation of the Community of the Latin American and Caribbean States (CELAC) focus their attempts to preserve the sovereignty, their independence and to develop the cooperation and solidarity, independently to weak or powerful countries, and not on the base of the competition and the imbalance. This is the beginning of a promising and strategic stage for the region.

Comrades all:
Cuba belongs to the so called Third World and the impact of the crisis on our country is stronger if we take into account that our economic and social development has been affected for decades by the longest and most unjust economic, commercial and financial blockade in history.

The direct economic damage caused to the Cuban people by the implementation of the blockade exceeds 975 billion dollars. Behind the genocidal act of imperialism is the clear objective to overthrow the revolutionary government and to destroy the constitutional order that our people sovereignly defends.

In spite of the false image of flexibility that the present U.S. administration tries to depict, the blockade remains intact, despite the rejection and unanimous condemnation of the international community which, in a systematic and firm way, has demanded the end of this injustice.

Imperialism's attempt to isolate us crushes daily against the categorical and overwhelming support to the Cuban Revolution and the heroic resistance of a people that refuses to give in its sovereign rights.
In defense of that sovereignty that we enjoy today, Cuba is updating its economic model and is implementing changes that will allow us to continue advancing in the development of socialism. The transformations in Cuba began in 1959 and they have never stopped. We will resolutely change everything that has to be changed, but it will be done within the Revolution and socialism. It has been because of this ability of renewal that we have been able to resist the most hostile and aggressive attempts to destroy our country.

Our big problem is to tackle economic efficiency and to be able to face today and tomorrow's challenges. Therefore, the Communist Party of Cuba is implementing an economic updating process, since the battle for the economy depends on the sustainability and preservation of our system. The proposed model was endorsed by the discussion with the population, and then it was approved by the 6th Congress of the Communist Party of Cuba. This is not a finished process, but it is one in which we are continuously working on to improve it.

For Cubans socialism is not merely the most just and sustainable alternative; it is, above all, the guarantee of our national security, our independence and our identity.

What will not change in Cuba is the achievements that we have made with sacrifice and devotion; the commitment to keep the solidarity with our brothers of the Third World and with other peoples; equal opportunities and social justice.

We will guarantee the right to employment, to a decent retirement and to social security. We will continue to see the human being as the first and most important thing and we will continue to trust in his unlimited capacity to transform history. We will continue to believe in the human values and we will continue to accompany all those that, just like us, struggle for a more just and equitable world.

We avail ourselves of this opportunity to express our gratitude for the innumerable expressions of solidarity towards the just cause of our people against the irrational blockade imposed by the United States and in favour of the release of the Cuban Five. One of them served an unjust sentence, but he is not allowed to return to Cuba to join his family, while the other four remain under a cruel and unjust political imprisonment due to the gross corruption of the legal process and the illegal behaviour of the U.S. government.

The Cuba Revolution has been able to resist, in the first place, thanks to our people's commitment and unity, and also because of the unconditional support of those who have trusted us and have seen Cuba as the reason for their own struggle. To all these brothers, we convey the assurance that we will not disappoint them.

We also convey our solidarity and support to the strategies of integration in Latin America; to the struggles of the peoples of Africa and the Middle East, recalling specially the suffering caused to the population by NATO and U.S. aggressions; and to the struggle of the Palestinian people.

Comrades:

Imperialism is reinforcing its formula of threats, interventions in the internal affairs, encouragement of conflicts and military aggressions in order to assert its will and subjugate the peoples. It is our responsibility not to be indifferent, to denounce it and to demand that governments fulfil their obligations to their people and mankind.

As a result of the economic and energy crisis in the main centers of world power, a new geopolitical sharing of the world is being promoted among the powers, in which our peoples can be the victim of any military intervention. This is the "model" that they are already defending as an option to intervene militarily in any country perceived as an obstacle to their strategic interests. Hence, the present struggle takes on unforeseen dimensions and shades. The anticommunist offensive is revitalized in an attempt to silence, discredit and overcome us. It will be essential to use all our ideological maturity, our sacrifice and, mainly, the unity of all communist in order to organize an effective strategy to face imperialism's hegemony.

The road seems long and difficult. The only option to advance in the face of the new challenges is the unity in our diversity and the ability to understand the need of multiplying solidarity among the forces of change and progress. History shows that victory is only possible if we are true to the principles that we defend and to unity.

Long Live Socialism!

Thank you very much.

13° IMCWP - Incontro Internazionale dei Partiti Comunisti e Operai - Atene 9-11/12/2011
Contributo del Partito Comunista di Cuba
Stimati compagni,
Incontrarsi nuovamente con il comune sforzo di coordinare la nostra lotta rappresenta già un successo indiscutibile per chi tra noi ha coscientemente assunto la responsabilità di essere la voce di tutti i popoli. Essere qui oggi, è una nuova sfida a coloro che, giorno dopo giorno, cercano di reprimere e soffocare il grido di libertà proveniente da molte parti nel mondo. Lo scopo che anima è espressione di urgente necessità di fronte ad una prospettiva per l'umanità sempre più complessa e pericolosa.
Prima di tutto, vorremmo esprimere la nostra gratitudine al Partito Comunista di Grecia (KKE) per lo sforzo di organizzare e fissare quest'incontro, riconoscendo la difficile situazione in cui ha dovuto lavorare. Quest'evento acquista un significato particolare poiché avviene in uno scenario che, nel corso di quest'anno, ha visto lo svolgersi di lotte importanti del popolo greco, il quale ha affrontato con coraggio e determinazione le ingiuste e crudeli strategie capitaliste. Il ruolo di mobilitazione e coordinamento svolto dal KKE è stato fondamentale in tutto ciò. Esprimiamo la nostra solidarietà militante al Partito e al combattivo popolo della Grecia.
Auspichiamo sinceramente che i nostri dibattiti consolideranno in ogni paese il ruolo dei partiti qui presenti, offrendo possibilità per fronteggiare, in modo congiunto, l'impatto della crisi attuale e dell'insostenibile sistema neoliberale.
L'imperialismo sta mostrando le sue debolezze e contraddizioni più profonde e la crisi stessa è un fenomeno strutturale che non può essere superato senza un drammatico urto nel sistema capitalistico.
Ignorando le proteste popolari, i governi hanno varato pacchetti urgenti per salvare il sistema bancario. Quantità enormi di risorse provenienti dalle tasse pagate dai loro cittadini sono state utilizzate per rimediare alla grave carenza di liquidità delle banche, conseguenza delle irresponsabili politiche speculative di queste istituzioni al servizio delle classi sfruttatrici. Hanno messo in atto le cosiddette "misure di austerità", sotto il pretesto della necessità di dover coprire il deficit dello stato e che invece è peggiorato proprio a causa del salvataggio delle banche. Come risultato, ancora una volta, tutto il peso della crisi viene scaricata sulle spalle dei lavoratori e dei cittadini.
D'altra parte, la brusca frenata del commercio mondiale ha portato ad una forte contrazione economica nei paesi più deboli, con il conseguente aumento della povertà e della disoccupazione. I cambiamenti climatici, i disastri naturali e la debolezza del dollaro hanno provocato un aumento vertiginoso dei prezzi del petrolio e degli alimenti, trascinando milioni di persone nella fame ed emarginazione. E' in corso un aumento dei conflitti per il controllo delle risorse naturali, che porta pericolosamente a guerre che minacciano la pace nel mondo e, di conseguenza, la razza umana.
"La crisi del modello neoliberale,imposto durante gli anni 1990 dal cosiddetto Consenso di Washington per l'America Latina e i Carabi, ha portato alla nascita di varie rivolte e governi popolari, così come alla proliferazione di militanti dei movimenti sociali, tra cui vanno segnalati i popoli indigeni, gli studenti, i settori del lavoro e i disoccupati. Va notato che durante il regno assoluto del neoliberismo e del mondo unipolare degli anni 1990, i termini "socialismo" e "imperialismo" sono quasi scomparsi dal linguaggio pubblico di quasi tutti i partiti della sinistra e dei loro leader, e in modo più marcato nel centro-sinistra. Uno dei meriti di Chavez è stato quello di definire, dal gennaio 2004 all'inizio del 2005, il corso antimperialista e socialista della Rivoluzione Bolivariana. Successivamente e sulla base delle nuove realtà scatenate dai processi nazionalistici e radicali in Bolivia ed Ecuador e del contestuale dibattito sul socialismo del XXI secolo, anch'esso promosso da Chavez, la questione del socialismo è stata nuovamente sollevata in un gruppo, minoritario ma in aumento, di partiti e dirigenti.
Quanto detto ci obbliga ad accrescere, consolidare e affinare al massimo le nostre forze e capacità al fine di rendere più sistematica, efficiente e ampia la nostra influenza e solidarietà con questi processi, a favore delle lotte e dei progetti antimperialisti e anticapitalisti e di tutte le conquiste nazionali e popolari che aprono la strada a questo corso storico".
Oggi che i potenti stati occidentali e l'Unione europea in modo particolare, stanno affrontando una grave crisi sistemica, i paesi latinoamericani e caraibici con la recente fondazione della Comunità degli Stati dell'America Latina e dei Caraibi (CELAC) concentrano i loro sforzi per difendere la loro sovranità e indipendenza, per sviluppare la cooperazione e la solidarietà, a prescindere dalla debolezza o potenza dei paesi e non sulla base della competizione e dello squilibrio. Per la regione questo è l'inizio di una promettente fase strategica.
Compagni tutti,
Cuba appartiene al cosiddetto Terzo Mondo e l'impatto della crisi sul nostro paese è più forte, se si tiene conto che il nostro sviluppo economico e sociale è stato influenzato per decenni dal più lungo e ingiusto blocco economico, commerciale e finanziario della storia.
Il danno economico diretto provocato al popolo cubano dall'applicazione del blocco supera i 975 miliardi di dollari. Dietro l'atto genocida dell'imperialismo, c'è il chiaro obiettivo di rovesciare il governo rivoluzionario e distruggere l'ordine costituzionale che il nostro popolo difende sovranamente.
Nonostante la falsa immagine di flessibilità che l'attuale amministrazione degli Stati Uniti cerca di mostrare, il blocco rimane immutato nonostante il rifiuto e la condanna unanime della comunità internazionale, che in modo sistematico e costante ha chiesto la fine di quest'ingiustizia.
Il tentativo dell'imperialismo di isolarci s'infrange quotidianamente contro il perentorio e travolgente sostegno alla Rivoluzione Cubana e alla resistenza eroica di un popolo che rifiuta di cedere i suoi diritti sovrani.
In difesa della sovranità di cui godiamo oggi, Cuba sta adeguando il suo modello economico ed effettuando quei cambiamenti che ci permetteranno di continuare ad avanzare nello sviluppo del socialismo. Le trasformazioni a Cuba sono iniziate nel 1959 e non sono mai cessate. Noi cambieremo risolutamente tutto ciò che deve essere cambiato, ma questo sarà fatto all'interno della Rivoluzione e del socialismo. E' stato a causa di questa capacità di rinnovamento che siamo stati in grado di resistere ai tentativi più ostili e aggressivi di distruggere il nostro paese.
Il nostro grande problema consiste nell'affrontare la questione dell'efficienza economica e di essere in grado di affrontare le sfide odierne e quelle future. Pertanto, il Partito Comunista di Cuba sta sviluppando un processo di rinnovamento economico in quanto la battaglia per l'economia dipende dalla sostenibilità e dal mantenimento del nostro sistema. Il modello proposto è stato approvato dal dibattito con la popolazione e poi approvato dal 6° Congresso del Partito Comunista di Cuba. Questo processo non è terminato, ma sottoposto al nostro continuo lavoro per poterlo migliorare.
Per noi cubani il socialismo non è semplicemente la scelta più giusta e sostenibile, ma è soprattutto la garanzia della nostra sicurezza nazionale, della nostra indipendenza e identità.
Ciò che a Cuba non cambierà sono le conquiste ottenute con sacrificio e devozione, l'impegno a mantenere la solidarietà con i nostri fratelli del Terzo Mondo e con gli altri popoli, la pari opportunità e la giustizia sociale.
Noi garantiremo il diritto al lavoro, a una pensione dignitosa e alla sicurezza sociale. Continueremo a vedere l'essere umano come primo e più importante fattore e continueremo a confidare nella sua illimitata capacità di trasformare la storia. Continueremo a credere nei valori umani e continueremo ad accompagnare tutti coloro che, come noi, lottano per un mondo più giusto ed equo.
Ci avvaliamo di quest'opportunità per esprimere la nostra gratitudine per le innumerevoli espressioni di solidarietà verso la giusta causa del nostro popolo, contro l'irrazionale blocco imposto dagli Stati Uniti e in favore della liberazione dei Cinque cubani. Uno di loro ha scontato una sentenza ingiusta e ciononostante non gli è permesso di tornare a Cuba per riunirsi alla sua famiglia, mentre gli altri quattro restano sotto una detenzione politica crudele e ingiusta a causa dell'immorale corruzione del procedimento legale e del comportamento illegale del governo statunitense.
La Rivoluzione a Cuba è stata in grado di resistere in primo luogo grazie all'impegno e all'unità del nostro popolo e anche per il sostegno incondizionato di coloro che hanno creduto in noi e hanno visto in Cuba la ragione della loro lotta. Stiano certi tutti questi fratelli che non li deluderemo.
Dobbiamo anche esprimere la nostra solidarietà e sostegno alle strategie d'integrazione in America Latina, alle lotte dei popoli dell'Africa e del Medio Oriente, ricordando specialmente le sofferenze causate alle popolazioni dalle aggressioni NATO e statunitensi, e alla lotta del popolo palestinese.
Compagni,
L'imperialismo sta aumentando le sue minacce, gli interventi negli affari interni, l'incoraggiamento dei conflitti e aggressioni militari al fine di affermare la propria volontà e soggiogare i popoli. È nostra responsabilità non essere indifferenti, denunciare ed esigere che i governi adempiano gli obblighi verso i loro popoli e l'umanità.
Come conseguenza della crisi economica ed energetica nei principali centri di potere mondiali, viene promossa una nuova divisione geopolitica del mondo tra le potenze, in cui i nostri popoli possono essere vittime di qualsiasi intervento militare. Questo è il "modello" che già difendono, inteso come la possibilità di intervenire militarmente in qualsiasi paese percepito come ostacolo ai loro interessi strategici. Quindi, l'attuale lotta assume dimensioni e sfumature impreviste. Si è rivitalizzata l'offensiva anticomunista nel tentativo di screditarci, sconfiggerci e farci tacere. Sarà indispensabile utilizzare tutta la nostra maturità ideologica, il nostro sacrificio e soprattutto l'unità di tutti i comunisti al fine di organizzare una strategia efficace per affrontare l'egemonia dell'imperialismo.
La strada appare lunga e difficile. L'unica possibilità per avanzare di fronte alle nuove sfide è l'unità nelle nostre diversità e la capacità di comprendere la necessità di moltiplicare la solidarietà tra le forze del cambiamento e del progresso. La storia dimostra che la vittoria è possibile solo se siamo fedeli ai principi che difendiamo e all'unità.
Viva il socialismo!
Vi ringrazio molto.
Partito Comunista di Cuba
http://www.pcc.cu/
13° IMCWP - Incontro Internazionale dei Partiti Comunisti e Operai - Atene 9-11/12/2011
Contributo del Partito Comunista di Cuba
Stimati compagni,
Incontrarsi nuovamente con il comune sforzo di coordinare la nostra lotta rappresenta già un successo indiscutibile per chi tra noi ha coscientemente assunto la responsabilità di essere la voce di tutti i popoli. Essere qui oggi, è una nuova sfida a coloro che, giorno dopo giorno, cercano di reprimere e soffocare il grido di libertà proveniente da molte parti nel mondo. Lo scopo che anima è espressione di urgente necessità di fronte ad una prospettiva per l'umanità sempre più complessa e pericolosa.
Prima di tutto, vorremmo esprimere la nostra gratitudine al Partito Comunista di Grecia (KKE) per lo sforzo di organizzare e fissare quest'incontro, riconoscendo la difficile situazione in cui ha dovuto lavorare. Quest'evento acquista un significato particolare poiché avviene in uno scenario che, nel corso di quest'anno, ha visto lo svolgersi di lotte importanti del popolo greco, il quale ha affrontato con coraggio e determinazione le ingiuste e crudeli strategie capitaliste. Il ruolo di mobilitazione e coordinamento svolto dal KKE è stato fondamentale in tutto ciò. Esprimiamo la nostra solidarietà militante al Partito e al combattivo popolo della Grecia.
Auspichiamo sinceramente che i nostri dibattiti consolideranno in ogni paese il ruolo dei partiti qui presenti, offrendo possibilità per fronteggiare, in modo congiunto, l'impatto della crisi attuale e dell'insostenibile sistema neoliberale.
L'imperialismo sta mostrando le sue debolezze e contraddizioni più profonde e la crisi stessa è un fenomeno strutturale che non può essere superato senza un drammatico urto nel sistema capitalistico.
Ignorando le proteste popolari, i governi hanno varato pacchetti urgenti per salvare il sistema bancario. Quantità enormi di risorse provenienti dalle tasse pagate dai loro cittadini sono state utilizzate per rimediare alla grave carenza di liquidità delle banche, conseguenza delle irresponsabili politiche speculative di queste istituzioni al servizio delle classi sfruttatrici. Hanno messo in atto le cosiddette "misure di austerità", sotto il pretesto della necessità di dover coprire il deficit dello stato e che invece è peggiorato proprio a causa del salvataggio delle banche. Come risultato, ancora una volta, tutto il peso della crisi viene scaricata sulle spalle dei lavoratori e dei cittadini.
D'altra parte, la brusca frenata del commercio mondiale ha portato ad una forte contrazione economica nei paesi più deboli, con il conseguente aumento della povertà e della disoccupazione. I cambiamenti climatici, i disastri naturali e la debolezza del dollaro hanno provocato un aumento vertiginoso dei prezzi del petrolio e degli alimenti, trascinando milioni di persone nella fame ed emarginazione. E' in corso un aumento dei conflitti per il controllo delle risorse naturali, che porta pericolosamente a guerre che minacciano la pace nel mondo e, di conseguenza, la razza umana.
"La crisi del modello neoliberale,imposto durante gli anni 1990 dal cosiddetto Consenso di Washington per l'America Latina e i Carabi, ha portato alla nascita di varie rivolte e governi popolari, così come alla proliferazione di militanti dei movimenti sociali, tra cui vanno segnalati i popoli indigeni, gli studenti, i settori del lavoro e i disoccupati. Va notato che durante il regno assoluto del neoliberismo e del mondo unipolare degli anni 1990, i termini "socialismo" e "imperialismo" sono quasi scomparsi dal linguaggio pubblico di quasi tutti i partiti della sinistra e dei loro leader, e in modo più marcato nel centro-sinistra. Uno dei meriti di Chavez è stato quello di definire, dal gennaio 2004 all'inizio del 2005, il corso antimperialista e socialista della Rivoluzione Bolivariana. Successivamente e sulla base delle nuove realtà scatenate dai processi nazionalistici e radicali in Bolivia ed Ecuador e del contestuale dibattito sul socialismo del XXI secolo, anch'esso promosso da Chavez, la questione del socialismo è stata nuovamente sollevata in un gruppo, minoritario ma in aumento, di partiti e dirigenti.
Quanto detto ci obbliga ad accrescere, consolidare e affinare al massimo le nostre forze e capacità al fine di rendere più sistematica, efficiente e ampia la nostra influenza e solidarietà con questi processi, a favore delle lotte e dei progetti antimperialisti e anticapitalisti e di tutte le conquiste nazionali e popolari che aprono la strada a questo corso storico".
Oggi che i potenti stati occidentali e l'Unione europea in modo particolare, stanno affrontando una grave crisi sistemica, i paesi latinoamericani e caraibici con la recente fondazione della Comunità degli Stati dell'America Latina e dei Caraibi (CELAC) concentrano i loro sforzi per difendere la loro sovranità e indipendenza, per sviluppare la cooperazione e la solidarietà, a prescindere dalla debolezza o potenza dei paesi e non sulla base della competizione e dello squilibrio. Per la regione questo è l'inizio di una promettente fase strategica.
Compagni tutti,
Cuba appartiene al cosiddetto Terzo Mondo e l'impatto della crisi sul nostro paese è più forte, se si tiene conto che il nostro sviluppo economico e sociale è stato influenzato per decenni dal più lungo e ingiusto blocco economico, commerciale e finanziario della storia.
Il danno economico diretto provocato al popolo cubano dall'applicazione del blocco supera i 975 miliardi di dollari. Dietro l'atto genocida dell'imperialismo, c'è il chiaro obiettivo di rovesciare il governo rivoluzionario e distruggere l'ordine costituzionale che il nostro popolo difende sovranamente.
Nonostante la falsa immagine di flessibilità che l'attuale amministrazione degli Stati Uniti cerca di mostrare, il blocco rimane immutato nonostante il rifiuto e la condanna unanime della comunità internazionale, che in modo sistematico e costante ha chiesto la fine di quest'ingiustizia.
Il tentativo dell'imperialismo di isolarci s'infrange quotidianamente contro il perentorio e travolgente sostegno alla Rivoluzione Cubana e alla resistenza eroica di un popolo che rifiuta di cedere i suoi diritti sovrani.
In difesa della sovranità di cui godiamo oggi, Cuba sta adeguando il suo modello economico ed effettuando quei cambiamenti che ci permetteranno di continuare ad avanzare nello sviluppo del socialismo. Le trasformazioni a Cuba sono iniziate nel 1959 e non sono mai cessate. Noi cambieremo risolutamente tutto ciò che deve essere cambiato, ma questo sarà fatto all'interno della Rivoluzione e del socialismo. E' stato a causa di questa capacità di rinnovamento che siamo stati in grado di resistere ai tentativi più ostili e aggressivi di distruggere il nostro paese.
Il nostro grande problema consiste nell'affrontare la questione dell'efficienza economica e di essere in grado di affrontare le sfide odierne e quelle future. Pertanto, il Partito Comunista di Cuba sta sviluppando un processo di rinnovamento economico in quanto la battaglia per l'economia dipende dalla sostenibilità e dal mantenimento del nostro sistema. Il modello proposto è stato approvato dal dibattito con la popolazione e poi approvato dal 6° Congresso del Partito Comunista di Cuba. Questo processo non è terminato, ma sottoposto al nostro continuo lavoro per poterlo migliorare.
Per noi cubani il socialismo non è semplicemente la scelta più giusta e sostenibile, ma è soprattutto la garanzia della nostra sicurezza nazionale, della nostra indipendenza e identità.
Ciò che a Cuba non cambierà sono le conquiste ottenute con sacrificio e devozione, l'impegno a mantenere la solidarietà con i nostri fratelli del Terzo Mondo e con gli altri popoli, la pari opportunità e la giustizia sociale.
Noi garantiremo il diritto al lavoro, a una pensione dignitosa e alla sicurezza sociale. Continueremo a vedere l'essere umano come primo e più importante fattore e continueremo a confidare nella sua illimitata capacità di trasformare la storia. Continueremo a credere nei valori umani e continueremo ad accompagnare tutti coloro che, come noi, lottano per un mondo più giusto ed equo.
Ci avvaliamo di quest'opportunità per esprimere la nostra gratitudine per le innumerevoli espressioni di solidarietà verso la giusta causa del nostro popolo, contro l'irrazionale blocco imposto dagli Stati Uniti e in favore della liberazione dei Cinque cubani. Uno di loro ha scontato una sentenza ingiusta e ciononostante non gli è permesso di tornare a Cuba per riunirsi alla sua famiglia, mentre gli altri quattro restano sotto una detenzione politica crudele e ingiusta a causa dell'immorale corruzione del procedimento legale e del comportamento illegale del governo statunitense.
La Rivoluzione a Cuba è stata in grado di resistere in primo luogo grazie all'impegno e all'unità del nostro popolo e anche per il sostegno incondizionato di coloro che hanno creduto in noi e hanno visto in Cuba la ragione della loro lotta. Stiano certi tutti questi fratelli che non li deluderemo.
Dobbiamo anche esprimere la nostra solidarietà e sostegno alle strategie d'integrazione in America Latina, alle lotte dei popoli dell'Africa e del Medio Oriente, ricordando specialmente le sofferenze causate alle popolazioni dalle aggressioni NATO e statunitensi, e alla lotta del popolo palestinese.
Compagni,
L'imperialismo sta aumentando le sue minacce, gli interventi negli affari interni, l'incoraggiamento dei conflitti e aggressioni militari al fine di affermare la propria volontà e soggiogare i popoli. È nostra responsabilità non essere indifferenti, denunciare ed esigere che i governi adempiano gli obblighi verso i loro popoli e l'umanità.
Come conseguenza della crisi economica ed energetica nei principali centri di potere mondiali, viene promossa una nuova divisione geopolitica del mondo tra le potenze, in cui i nostri popoli possono essere vittime di qualsiasi intervento militare. Questo è il "modello" che già difendono, inteso come la possibilità di intervenire militarmente in qualsiasi paese percepito come ostacolo ai loro interessi strategici. Quindi, l'attuale lotta assume dimensioni e sfumature impreviste. Si è rivitalizzata l'offensiva anticomunista nel tentativo di screditarci, sconfiggerci e farci tacere. Sarà indispensabile utilizzare tutta la nostra maturità ideologica, il nostro sacrificio e soprattutto l'unità di tutti i comunisti al fine di organizzare una strategia efficace per affrontare l'egemonia dell'imperialismo.
La strada appare lunga e difficile. L'unica possibilità per avanzare di fronte alle nuove sfide è l'unità nelle nostre diversità e la capacità di comprendere la necessità di moltiplicare la solidarietà tra le forze del cambiamento e del progresso. La storia dimostra che la vittoria è possibile solo se siamo fedeli ai principi che difendiamo e all'unità.
Viva il socialismo!
Vi ringrazio molto.
Partito Comunista di Cuba
http://www.pcc.cu/

Traduzione dall'inglese per www.resistenze.org a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare